Non c'è niente di costante tranne il cambiamento

Blog di Cristina Savi - DIRE FARE MANGIARE


Cerca nel blog

mercoledì 17 aprile 2013

Dulcis in fundo

Pensavo all'importanza di esserci e così ho deciso di scrivere un post, seppur breve. 

E il mostrare gratitudine è sempre un ottimo motivo per comunicare.

Quindi grazie a chi ha partecipato anche all'incontro di venerdì u.s. "Dolori e mal di testa", grazie per l'attenzione, grazie per lo scambio di opinioni, grazie per l'interesse crescente mostrato, grazie per la fiducia e soprattutto grazie per l'opportunità che mi offrite di trasmettervi ciò che so e ciò che sento.

Parlare di dolori mi ha permesso di addentrarmi maggiormente nel principio di yin e yang, sono proprio i dolori infatti la più "semplice" via di comprensione di questo concetto. 

Dove? Come? Quando? Non è un indovinello ma sono le domande alle quali rispondere per individuare e classificare il dolore come yin o yang, oppure yin e yang. 


Fatto ciò non resta che capirne la causa. Cioè quali alimenti possono peggiorare questo dolore? Quali accorgimenti sono possibili con un nuovo stile alimentare? 

Ad esempio un dolore penetrante, costante, profondo che colpisce la parte posteriore della testa può essere interpretato come dolore yang. E per questo si potrebbe fare attenzione, oltre allo stile di vita (stressato, contratto e con poca vita all'aria aperta), agli alimenti considerati più yang: cibo di origine animale, sale e prodotti da forno.
 
Oppure se ho un dolore "mobile" alle mani o ai piedi, che peggiora d'inverno  potrei dire che si tratta di un dolore yin. E che gli alimenti considerati yin come zucchero, prodotti raffinati, cibi di origine tropicale (compresi caffè e cioccolato) e latticini non fanno che aumentare il problema.


Insomma l'argomento è vasto ma iniziare a interessarsi può essere un ottimo modo per apprezzare il potere energetico del cibo.

E per salutarvi, dulcis in fundo, vi  propongo questa ricetta finita di preparare poco fa come omaggio alla primavera e alle temperature estive. 

Mousse alle fragole (dosi per 4-5 coppette)

1/2 litro di succo di mela
500 gr di fragole (perchè il gusto si deve sentire e non solo immaginare)
2 e 1/2 C di agar agar in fiocchi
scorza grattuggiata di limone


Lavare le fragole e tagliarle a pezzetti. Mettere il succo di mela in una casseruola di acciaio, aggiungere l'agar agar e mettere sul fuoco. Continuando  a mescolare portare a bollore (è importante mescolare per evitare che l'agar agar vada sul fondo della casseruola). Dopo 5 minuti aggiungere le fragole e continuare la cottura per altri 5 minuti aggiungendo la scorza grattuggiata di limone. Togliere dal fuoco e trasferire il tutto in un recipiente adatto (in vetro o acciaio) affinchè si raffreddi e solidifichi. A questo punto il kanten sarebbe pronto e si potrebbe consumare così (magari avendolo messo in piccole coppette), oppure (ed io lo preferisco) frullare tutto fino ad ottenere una mousse, riempire le coppette e mettere in frigorifero. Da servire fresco (non gelato).

E' un ottimo dessert. 

E per i prossimi appuntamenti in calendario vi segnalo questo link.

Nessun commento:

Posta un commento