Non c'è niente di costante tranne il cambiamento

Blog di Cristina Savi - DIRE FARE MANGIARE


Cerca nel blog

venerdì 11 dicembre 2015

ASPETTANDO IL CEM

Spero che presto chiunque di voi mi possa dire che ho sbagliato a leggere e che non capisco nulla di determine .

Ma fatelo in fretta per favore.
ASPETTANDO IL CEM - Concerto "Notte del GOSPEL" 

Tre determine:
- la n. 1354 affidamento servizio di supporto alle VERBEAT MUSICA E CITTA' DI VERBANIA -  10560,32 euro
- la n. 1355 ALLESTIMENTO AUDIO/LUCI, affidamento servizio alla Ditta Volume srl di Milano per 2354, 60 euro
- la n. 1353 affidamento servizio a PRO MUSIC INTERNATIONAL SRL di Roma (ha esclusiva per VIRGINIA STATE GOSPEL CHORALE) impegno di spesa 13420 euro

D'altronde come spiega l'Assessore Vallone su La Stampa, di qualche settimana fa, si tratta del primo passo di una serie di eventi di livello che mirano a far diventare il nuovo teatro un'eccellenza del Nord Italia. E continua con il sottolineare che lo scopo è " uscire dai confini regionali, farsi conoscere come punta di diamante della cultura".

Caspita mi pare un'ottima strada per puntare all'eccellenza, soprattutto per l'innovazione, e l'equo rapporto costi/obiettivo.
Non avrei mai pensato ad un concerto Gospel a dicembre. Di sicuro in tutto il Nord Italia parleranno di noi.
E come diventare punta di diamante se non con una comunicazione di livello qualitativo almeno pari a quella che se ne deduce dalla somma investita per il coro Gospel.

O forse no, dimenticavo ci si stava dimenticando di fare un po' di comunicazione all'evento. O forse non c'erano più risorse, soprattutto di tempo, dal momento che la richiesta da parte dell'Ing Comola alle agenzie di comunicazione è pervenuta il 9 novembre (peraltro senza alcuna indicazione tecnica pertinente con una richiesta di preventivo per la grafica di un evento).

Se poi mi posso permettere un appunto all'Ing. "Chiedere è lecito, rispondere è cortesia" anche e soprattutto se lo si fa a nome del Comune di Verbania.
Le basi della comunicazione ci insegnano di ringraziare chi spende tempo per noi. E chi ha impegnato tempo a fornire i preventivi meritava almeno un "grazie per la disponibilità ma il suo preventivo non è stato approvato"


Una delle prime regole che mi insegnarono colleghi più esperti di me in marketing fu: "se hai un prodotto mediocre, e non hai soldi per la comunicazione, inventati qualunque cosa purché faccia parlare del prodotto, del brand, del servizio."
Quindi spero che all'interno dell'Amministrazione vi siano grandi strateghi del marketing, che avendo poco da vendere trovano modi per far si che, anche se male, ne possiamo parlare noi. Quanto meno è pubblicità a costo zero.

Di sicuro puntiamo all'eccellenza con il sito web del CEM. 




Ma non è finita qui.
Mi è capitato il Verbale di Deliberazione n 244, patrocinio e contributo a VERBEAT MUSICA E CITTA' PER SPETTACOLO "LE OLIMPIADI 1936" PARI A 8500 EURO, e uso gratuito dei beni immobili e mobili (Palzzetto dello Sport e palco) quantificabili in 1540 euro.
La spesa trova copertura nel capitoloo "Eventi preparazione CEM"

Io ho davvero difficoltà a comprendere le scelte artistico culturali dell'Amministrazione in essere, soprattutto quelle legate al CEM. Per non parlare dei tempi impiegati nel definire un piano di sviluppo reale.
Partire dal nome e dal logo, e dire si a chiunque chieda asilo al futuro teatro, o proponga iniziative gratuite forse non è la via di Sviluppo tanto blasonata.

Forse il problema non sono le risorse spese in consulenze, il problema è come siano, all'oggi, definite le consulenze. Farò un azzardo intellettivo a dire che le soluzioni potrebbero essere:
- comprendere prima quali siano le necessità
- fare un piano di lavoro e di intervento e organici e strutturati
- avere obiettivi strategici di lungo periodo
- operarsi per raggiungere gli obiettivi di cui sopra con strumenti operativi ragionati.

Di sicuro diventeremo punta di diamante della cultura, non so di quale cultura (idee confuse), ma in qualcosa saremo eccellenti.

Intanto grazie ad Agenda2020 se riusciranno a dialogare in termini propositivi con l'Amministrazione (non mi sono ben chiare le loro proposte, ma intanto vi è un'idea di progetto), e grazie ad Emilio Ghittoni per averci fornito alcuni dati di previsione economica per il futuro Centro Eventi.
In fondo nessuno lo ha chiesto loro e nessuno li ha pagati per una consulenza.

Nessun commento:

Posta un commento